Sociale
Arvindaa nelle carceri

Arvindaa nelle carceri

Il corso si rivolge ai detenuti che rientrano nell’ambito del Progetto Spazio Carcere: una proposta gestita in collaborazione con il Ser.T (Servizio Tossicodipendenze) della Asl di Como, rivolta specificamente alle sole persone detenute che abbiano o abbiano avuto problemi di dipendenza da sostanze stupefacenti, dall’alcol o dal gioco.

Tutte le attività di Spazio Carcere hanno la finalità di aiutare chi vi prende parte ad esprimere se stesso ed aumentare il proprio livello di consapevolezza, in vista anche dell’elaborazione di un programma terapeutico alternativo alla detenzione o da effettuare dopo la scarcerazione, in accordo con il proprio Ser.T o NOA.

Il racconto del progetto dall'insegnante Laura Verga

Quando, ormai molti anni fa, studiavo per ottenere l’abilitazione all’insegnamento dello yoga, un giorno la mia insegnante disse, a noi aspiranti “maestri” seduti intorno in cerchio, con tutte le trepidazioni del caso: “Non importa che impariate i nomi di ogni posizione in sanscrito, davvero: non importa. Ma il valore della vostra presenza e la capacità di dare, sì. Chissà, una volta divenuti insegnanti, dove andrete a condividere questa esperienza: in uno studio di yoga o in una palestra, molto probabilmente; ma forse anche in una scuola, in un ospedale; o in un carcere”.

In un carcere. Ancora non aveva finito di dirlo e io avevo già deciso per, tra tutte le scelte possibili, la più nascosta e marginale. La più ostica, a prima vista, se si immagina lo yoga come una proposta che abbia più a che fare col levitare, che col vivere. Al contrario, la possibilità dello yoga, con le sue straordinarie potenzialità di strumento di consapevolezza, immersione nel presente, libertà e guarigione suonava già allora ideale, alla luce della mia esperienza di praticante, per rispondere alle esigenze delle persone che vivono una condizione di restrizione, anche fisica, delle libertà personali.

Grazie alla fiducia e in stretta collaborazione con la direzione e gli educatori professionali della Casa Circondariale del Bassone di Como, dal novembre 2014 quella che era nata come semplice, personale intuizione si è trasformata in una piccola ma concretissima realtà. Tutte le settimane, il venerdì alle 13.30, nella sala polivalente dell’istituto 8 detenuti praticano Vinyasa Yoga, uno stile dinamico e di una certa intensità a livello fisico, in un clima di sorprendente calore, interesse, disponibilità a spendersi misurandosi con qualcosa di assolutamente inesplorato finora: nessuno di loro, infatti, aveva mai avuto fin qui la possibilità di conoscere e sperimentare questo tipo di esperienza. Il corso si rivolge ai detenuti che rientrano nell’ambito del Progetto Spazio Carcere: una proposta gestita in collaborazione con il Ser.T (Servizio Tossicodipendenze) della Asl di Como, rivolta specificamente alle sole persone detenute che abbiano o abbiano avuto problemi di dipendenza da sostanze stupefacenti, dall’alcol o dal gioco. Tutte le attività di Spazio Carcere hanno la finalità di aiutare chi vi prende parte ad esprimere se stesso ed aumentare il proprio livello di consapevolezza, in vista anche dell’elaborazione di un programma terapeutico alternativo alla detenzione o da effettuare dopo la scarcerazione, in accordo con il proprio Ser.T o NOA.

Cominciata come un sogno, un augurio, una scommessa e poi un progetto, mese dopo mese questa esperienza si è trasformata in una bella, vera realtà. Inutile sottolineare quanto i miei “alunni” abbiano saputo trasmettermi, un venerdì dopo l’altro, in termini di curiosità, fiducia, entusiasmo, disponibilità a collaborare. Condividere con loro la pratica, questa splendida opportunità capace di regalarmi ogni giorno, da quando è entrata nella mia vita, gioia, energia, quiete, forza, morbidezza è, a tutti gli effetti, un arricchimento preziosissimo.

Il corso ha inizio alla metà di settembre, prosegue fino a luglio e, dal settembre 2017, sarà attuato anche nella sezione femminile, per tutte le detenute che ne facciano richiesta.  

 

Oggi da Arvindaa

Gli attrezzi più importanti di cui hai bisogno per fare yoga sono il tuo corpo e la tua mente.

13:30 - 14:30 — Yoga integrale (per prenotazione Paola 3387091939)
20:00 - 21:10 — Anusara (per prenotazione Laura 3460180171)